Delegato sindacale licenziato da Alma SpA. FELSA CISL" comportamento gravissimo ed inaccettabile, lesivo della libertà sindacale"
10 dicembre 2018

La FeLSA CISL ritiene gravissimo il licenziamento intimato dall'agenzia di somministrazione Alma Spa ad un proprio delegato sindacale su Roma. La causa del licenziamento sarebbe l'aver inviato una comunicazione di proclamazione di sciopero utilizzando impropriamente un indirizzo mail destinato a specifiche funzioni aziendali. La FeLSA CISL considera il provvedimento un atto quantomeno sproporzionato e gravemente lesivo della libertà sindacale da parte di una Agenzia che già da molto tempo sta dimostrando di ignorare le regole, come dimostra il fatto che da mesi non rispetta il termine di pagamento degli stipendi. A fronte di questi reiterati comportamenti, le Organizzazioni Sindacali del settore della somministrazione avevano già proclamato uno sciopero, tenutosi il 20 novembre. Pochi giorni dopo la proclamazione la stessa Agenzia ha dato ulteriore dimostrazione di scarsa propensione alle relazioni sindacali, dapprima non dando seguito alla richiesta di incontro delle parti sociali e soprattutto licenziando il lavoratore per i suddetti motivi. La FELSA CISL non lascerà solo il lavoratore, nonostante le intimidazioni subite. Anzi riteniamo che sia giunto il momento di alzare ancora di più la voce, affinché tutti sappiano del comportamento di Alma Spa: colpire in questo modo un rappresentante dei lavoratori somministrati vuol dire mandare un messaggio chiaro e pericoloso a tutta la rappresentanza sindacale. Di tale comportamento la Agenzia sarà tenuta a risponderne nelle sedi opportune.  


Roma, 10 dicembre 2018


Il Segretario Generale FELSA CISL NAZIONALE  Mattia Pirulli

Il Segretario Generale FeLSA CISL LAZIO Paolo Di Gerio