Impostazioni cookie

I cookies registrano informazioni sui tuoi dispositivi e sulle tue preferenze per far funzionare il sito come ti aspetteresti. Hai il diritto di scegliere che tipi di cookies accettare. Ricorda che alcuni cookies sono necessari per le funzionalità del sito, quindi bloccarli potrebbe cambiare la tua esperienza durante la navigazione sul sito.
Sono cookie necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati sui nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo tali cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Non archiviano informazioni personali.
Questi cookie ci permettono di contare le visite e fonti di traffico in modo da poter misurare e migliorare le prestazioni del nostro sito. Ci aiutano a sapere quali sono le pagine più e meno popolari e vedere come i visitatori si muovono intorno al sito. Tutte le informazioni raccolte dai cookie sono aggregate e quindi anonime. Se non consenti questi cookie, non sapremo quando hai visitato il nostro sito.
Accetta tutti
Rifiuta tutti
Conferma le mie scelte
Somministrati Ministero dell'Interno: avanzamenti positivi ma prosegue la mobilitazione fino a quando non avremo risposte per tutte le lavoratrici e i lavoratori i somministrati
24 marzo 2022
A seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DECRETO-LEGGE 21 marzo 2022, n. 21 Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina, che prevede al proprio interno, tra le altre misure, anche le disposizioni necessarie a garantire fino al 31 dicembre 2022 la proroga dei contratti di somministrazione dei lavoratori impegnati presso Questure, Prefetture e Commissioni Nazionali e Territoriali. Come Organizzazioni Sindacali abbiamo attivato tutte le interlocuzioni necessarie al fine di monitorare e garantire la corretta applicazione del dettato normativo, al fine di perseguire la continuità occupazionale complessiva di tutti i circa 1400 lavoratori. Nelle ultime ore stiamo ricevendo alcune conferme positive importanti, ma non ancora risolutive della vertenza, in quanto permangono ancora degli ambiti di incertezza in particolare sui somministrati nel Dipartimento Pubblica Sicurezza. Per questa ragione, anche al fine di mantenere alta l’attenzione politica e sociale sul destino occupazionale di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori coinvolti, abbiamo deciso di spostare a giovedì 31 marzo la giornata di sciopero fissata per venerdì 25 marzo. FeLSA CISL Nidil CGIL UILTemp richiedono urgentemente un confronto per ricevere le necessarie garanzie sulla proroga di tutti i contratti e ritenere di conseguenza chiusa positivamente questa fase della vertenza e ribadiscono che queste competenze e professionalità sono indispensabili per la Pubblica Amministrazione e sarebbe un grave errore perderne alcune.