Impostazioni cookie

I cookies registrano informazioni sui tuoi dispositivi e sulle tue preferenze per far funzionare il sito come ti aspetteresti. Hai il diritto di scegliere che tipi di cookies accettare. Ricorda che alcuni cookies sono necessari per le funzionalità del sito, quindi bloccarli potrebbe cambiare la tua esperienza durante la navigazione sul sito.
Sono cookie necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati sui nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo tali cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Non archiviano informazioni personali.
Questi cookie ci permettono di contare le visite e fonti di traffico in modo da poter misurare e migliorare le prestazioni del nostro sito. Ci aiutano a sapere quali sono le pagine più e meno popolari e vedere come i visitatori si muovono intorno al sito. Tutte le informazioni raccolte dai cookie sono aggregate e quindi anonime. Se non consenti questi cookie, non sapremo quando hai visitato il nostro sito.
Accetta tutti
Rifiuta tutti
Conferma le mie scelte
Navigator: riaprire subito il confronto. L'appello di FeLSA CISL, Nidil Cgil e Uiltemp a Governo e Ministero
26 luglio 2022

Roma, 26 luglio 2022. Restano ancora oscuri i motivi dell'interruzione del dialogo tra Ministero del Lavoro e Organizzazioni Sindacali sulla vertenza Navigator, i quali avevano concordato di riavviare il confronto a partire dal 22 luglio scorso, dopo l'incontro tenuto il 12 luglio a seguito del presidio indetto da Felsa Cisl Nidil Cgil e Uiltemp. 

"Nonostante il tormentone politico di quei giorni - spiegano i Segretari Nazionali delle tre sigle di settore Luca Barilà, Silvia Simoncini e Gianvincenzo Benito Petrassi - riteniamo ingiustificabile l'atteggiamento del Dicastero. Da due settimane attendiamo anche un minimo cenno, ma nulla: negli uffici di via Veneto sono tutti irreperibili, sia i responsabili politici che i tecnici sembrano spariti. 

Mentre domani il Presidente del Consiglio in carica Mario Draghi incontrerà i Segretari Generali di Cgil Cisl Uil per dare seguito agli impegni assunti, nel Ministero del Lavoro regna il silenzio. E intanto si avvicina anche la scadenza del 31 luglio senza che si sia immaginata una soluzione per i 538 lavoratori e lavoratrici che resteranno senza contratto". "Chiediamo con forza - aggiungono i sindacalisti - di riattivare immediatamente il tavolo istituzionale per costruire insieme risposte certe per i Navigator e non privare il mercato del lavoro di professionalità necessarie, specie se pensiamo alla partenza rallentata del programma GOL ed all'urgenza di traguardare gli obiettivi del PNRR. 

Riteniamo pertanto indispensabile, nelle more della definizione di un percorso che assicuri continuità occupazionale e di azione, favorire le condizioni affinché anche questi 538 lavoratori e lavoratrici possano proseguire la loro esperienza con Anpal Servizi al pari dei colleghi delle altre Regioni".