Impostazioni cookie

I cookies registrano informazioni sui tuoi dispositivi e sulle tue preferenze per far funzionare il sito come ti aspetteresti. Hai il diritto di scegliere che tipi di cookies accettare. Ricorda che alcuni cookies sono necessari per le funzionalità del sito, quindi bloccarli potrebbe cambiare la tua esperienza durante la navigazione sul sito.
Sono cookie necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati sui nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo tali cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Non archiviano informazioni personali.
Questi cookie ci permettono di contare le visite e fonti di traffico in modo da poter misurare e migliorare le prestazioni del nostro sito. Ci aiutano a sapere quali sono le pagine più e meno popolari e vedere come i visitatori si muovono intorno al sito. Tutte le informazioni raccolte dai cookie sono aggregate e quindi anonime. Se non consenti questi cookie, non sapremo quando hai visitato il nostro sito.
Accetta tutti
Rifiuta tutti
Conferma le mie scelte
Ancora nessuna risposta per i Navigator: senza interlocuzione, si torna in piazza
7 aprile 2022
Roma, 5 aprile 2022. FeLSA CISL NIdiL CGIL e UILTemp sono ancora in attesa della convocazione da parte del Ministro Orlando per discutere della vertenza Navigator. 

Un impegno, quello di Orlando, assunto in piazza davanti a lavoratrici, lavoratori e rappresentanti del sindacato, Confederale e di Categoria, che va ottemperato in fretta. 

Pur comprendendo le difficoltà legate al momento di grave crisi che vive l’Europa, infatti, non possiamo dimenticare che la scadenza dei contratti è sempre più vicina e i tempi per realizzare il progetto paventato insieme al collega Brunetta, che dovrà vedere protagonisti i Navigator ed è probabilmente ancora tutto da costruire, sono ormai agli sgoccioli. 

Per questo, qualora non dovessimo ricevere risposte concrete per un tavolo che sia realmente operativo, e non semplicemente interlocutorio, torneremo in piazza ad oltranza fino a quando non sarà individuata una soluzione valida per i quasi 1.900 lavoratori coinvolti. 

A causa dell’indisponibilità comunicataci dalla Questura per una data precedente, il primo appuntamento è fissato per il 20 aprile, dalle ore 10:00, in via Molise. Nelle more, ben consapevoli della ristrettezza del tempo a disposizione, continueremo con la nostra azione di pressing nei confronti dei due Ministeri.