Impostazioni cookie

I cookies registrano informazioni sui tuoi dispositivi e sulle tue preferenze per far funzionare il sito come ti aspetteresti. Hai il diritto di scegliere che tipi di cookies accettare. Ricorda che alcuni cookies sono necessari per le funzionalità del sito, quindi bloccarli potrebbe cambiare la tua esperienza durante la navigazione sul sito.
Sono cookie necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati sui nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo tali cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Non archiviano informazioni personali.
Questi cookie ci permettono di contare le visite e fonti di traffico in modo da poter misurare e migliorare le prestazioni del nostro sito. Ci aiutano a sapere quali sono le pagine più e meno popolari e vedere come i visitatori si muovono intorno al sito. Tutte le informazioni raccolte dai cookie sono aggregate e quindi anonime. Se non consenti questi cookie, non sapremo quando hai visitato il nostro sito.
Accetta tutti
Rifiuta tutti
Conferma le mie scelte
Somministrazione: dal Senato 100mila SI al lavoro iperprecario. inaccettabile
1 dicembre 2021
Il Senato ha approvato un emendamento che trasforma 100.000 posti di lavoro stabili in 100.000 posizioni precarie.Sindacati: intervento incomprensibile e inaccettabile! Licenziamenti “di Stato”, così si alimenta la precarietà. Il Governo intervenga subito.

Roma, 1 dicembre 2021 - Approvato al Senato, in sede di conversione del Decreto legge n. 146, un emendamento al Decreto Fiscale, proposto dal gruppo del M5S, che reintroduce un nuovo termine massimo, presumibilmente il prossimo 30 settembre 2022, per i lavoratori a tempo indeterminato in somministrazione con missione a termine. 
La cosa è incomprensibile da ogni punto di vista e inaccettabile! Si stabilisce infatti un nuovo termine per coloro che sono stati assunti a tempo indeterminato dalle agenzie mettendo così a rischio la continuità occupazionale di circa 100mila lavoratori. 
L’effetto concreto dell’emendamento rischia di essere quello della sostituzione dei 100.000 lavoratori a tempo indeterminato con altri 100.000 a termine, mentre - al contrario - sarebbero necessarie norme che, favorendo la continuità occupazionale e la stabilizzazione, impediscano il turn over. 
FeLSA CISL NIdiL CGIL UILTemp chiedono al Governo di intervenire urgentemente in materia ripristinando il testo originario. 
È vergognoso che, per compromessi al ribasso all’interno della maggioranza di Governo, si tengano in ostaggio decine di migliaia di lavoratori con balletti incomprensibili di date e rinvii! 
Le Organizzazioni Sindacali riprenderanno la mobilitazione, valutando ogni forma di lotta a sostegno di lavoratrici e lavoratori e per difendere il diritto al lavoro.