Impostazioni cookie

I cookies registrano informazioni sui tuoi dispositivi e sulle tue preferenze per far funzionare il sito come ti aspetteresti. Hai il diritto di scegliere che tipi di cookies accettare. Ricorda che alcuni cookies sono necessari per le funzionalità del sito, quindi bloccarli potrebbe cambiare la tua esperienza durante la navigazione sul sito.
Sono cookie necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati sui nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo tali cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Non archiviano informazioni personali.
Questi cookie ci permettono di contare le visite e fonti di traffico in modo da poter misurare e migliorare le prestazioni del nostro sito. Ci aiutano a sapere quali sono le pagine più e meno popolari e vedere come i visitatori si muovono intorno al sito. Tutte le informazioni raccolte dai cookie sono aggregate e quindi anonime. Se non consenti questi cookie, non sapremo quando hai visitato il nostro sito.
Accetta tutti
Rifiuta tutti
Conferma le mie scelte
Verso il nuovo contratto di somministrazione
30 ottobre 2012

Una flessibilità contrattata, in grado di costruire una vera e propria governance, un sistema avanzato di diritti e tutele che veda al centro il lavoratore e il territorio.

Il lavoro in somministrazione riparte da qui, secondo quanto previsto nella piattaforma di rinnovo contrattuale di categoria predisposta da Felsa Cisl e Uiltemp.

In tutto questo articolato disegno è fondamentale, ancora una volta e ancora di più che in passato, il ruolo di una bilateralità che è perno e sintesi ideale degli interessi dei lavoratori, delle parti sociali e delle agenzie per il lavoro.

Da questo punto di vista, anche il contributo simbolico richiesto al lavoratore per accedere alla bilateralità deve essere inteso unicamente all’interno di questa logica: porre al centro del sistema contrattuale proprio il lavoratore e garantire, allo stesso modo, congruità ed esigibilità delle prestazioni.

“Le novità di queste settimane, arrivate sia dalla legge di stabilità sia da una nuova riforma del mercato del lavoro - spiega il segretario nazionale Felsa Cisl, Silvia Degl’Innocenti - hanno posto alla nostra attenzione una priorità assoluta, quella di immaginare, in sede di rinnovo contrattuale, una piattaforma diversa rispetto al recente passato e in grado di interpretare al meglio i cambiamenti in atto, spostando l’attenzione dal livello nazionale ad uno marcatamente territoriale, maggiormente in grado di interpretare i bisogni del lavoratore in somministrazione e rafforzare così l’azione sindacale”. “Se quello precedente - sottolinea Degl’Innocenti - può essere definito come il contratto ‘del welfare’, questo è certamente pquello della ‘rappresentanza’”.

Una rappresentanza più forte che, proprio partendo da una diversa dimensione territoriale, riesce a porre rimedio ad una delle difficoltà croniche del lavoro in somministrazione, cioè quella di far percepire concretamente al lavoratore di non essere solo nel suo percorso, ma anzi di far parte di un sistema integrato.

In questo modo, l’appuntamento del rinnovo contrattuale ritaglia per se stesso un obiettivo importante e ambizioso, quello di costruire nuovi diritti e nuove tutele, rilanciando dal territorio il ruolo della rappresentanza, della contrattazione e della bilateralità. Si declina così, per il sindacato, la sfida della crescita in un momento particolarmente delicato per l’intero sistema delle relazioni industriali.