ENEL, INACETTABILE IL COMPORTAMENTO DELL’AZIENDA E DELLE AGENZIE PER IL LAVORO per i LAVORATORI SOMMINISTRATI NEI PUNTI ENEL in LIGURIA
31 maggio 2018

ENEL si sta affacciando sul libero mercato e queste sono le credenziali: una decina dilavoratrici e lavoratori molto qualificati (centinaia su tutto il territorio Nazionale),assunti dalle agenzie per il lavoro e in missione presso i punti ENEL in Liguria, concontratto di somministrazione da quasi 24 mesi, in scadenza tra giugno e luglio,stanno per essere sostituiti.

Persone con alte professionalità che hanno rappresentato un investimento di ENELin termini di formazione e competenze, quindi risorse e tempo che andrebberosprecati per colpa GRAVE dell’azienda, saranno lasciati a casa SENZA NESSUNA MOTIVAZIONE.

FeLSA CISL in collaborazione e con il supporto della FLAEI CISL Liguria, si stannomobilitando perché considerano inaccettabile il comportamento di ENEL e delleAgenzie di somministrazione: queste ultime nel frattempo hanno aperto diversericerche di personale proponendo contratti di 6 mesi per gli stessi profili. Una“politica aziendale” voluta da ENEL che può farsi forte per la debolezza dellepersone e per la continua precarizzazione dei lavoratori.

Chiediamo immediatamente di avviare un confronto con le Agenzie per il Lavorointeressate e con ENEL, che parta dalla situazione dei somministrati in Liguria, pergarantire le necessarie tutele occupazionali ai lavoratori che da mesi svolgono conprofessionalità la loro attività.

Contestiamo fermamente la posizione di ENEL, che prima paventa percorsi di stabilizzazione, per poi lasciare a casa i lavoratori senza nessun preavviso e chiediamo una assunzione di responsabilità alle Agenzie per il Lavoro, al fine di condividere tutte le scelte possibili per garantire continuità occupazionale ai lavoratori.

Le Segreterie FeLSA e FLAEI CISL Liguria